La collezione mi piace. Il modello pure.

Questo è il sant’uomo che sopporta me e tutte le sventure che mi porto appresso (e che costringo a farsi fotografare per il mio sito).
Questa roccia d’uomo ogni tanto va ringraziato non solo perché sopporta me ma,ormai da un po’, anche parecchi altri che hanno cercato di farci passare un bel vagone di problemi.

alessandro
Lui non si scompone,se cade si rialza dandosi una pulita,se sbaglia si rimbocca le maniche fino alle spalle per rimediare,quando si arrabbia continua a parlare anziché urlare e quando vuole aiutarmi non sbatte i pugni con chi mi fa del male ma mi abbraccia forte e mi dice che presto passerà. Perché noi siamo insieme.
Quest’uomo qui ha limiti e difetti come tanti altri ma una forza che hanno in pochi.

Tra le nostre incolmabili differenze e le vicinanze estreme noi ci siamo trovati,qualche anno fa.

Al “non ci lasceremo mai” nessuno dei due ci crede ma al “decido di rispettarti,e crescere insieme” si.

E siamo cresciuti,eccome,in questi anni.

Lui mi ha insegnato ad essere più paziente e io a parlare un po’ di più.

Abbiamo costruito una famiglia, sconclusionata e bizzarra ma di sicuro mai noiosa.

La strada semplice e breve non siamo ancora riusciti a trovarla e qualche volta tutte queste salite faticose ci fanno paura perché la stanchezza ci sembra davvero troppa…Ma in qualche modo, spingendoci a vicenda e con una mano verso l’altro, siamo sempre riusciti a ripartire.

La vetta ancora sembra parecchio lontana ma spero ci arriveremo insieme, tra qualche altra salita e strada tortuosa.